corsi di web marketing e formazione alle imprese turistiche per comunicare online e incrementare il business

Il turismo cinese in Italia: un mercato in costante crescita!

SHARE
, / 1307 0

I cinesi oggi sono il popolo che spende di più in viaggi all’estero, il che rende il “regno di mezzo” il primo in classifica nella graduatoria internazionale per la spesa turistica all’estero.
In Europa arrivano circa 4.5 milioni di cinesi all’anno ma ancora in pochi raggiungono l’Italia, solo 300.000 visti sono stati rilasciati nel 2012. Questo dato può sembrare imbarazzante dato che si prevede che il flusso di turisti cinesi verso il nostro paese aumenterà nel prossimo anno. Ci sono degli aspetti sostanziali su cui gli imprenditori italiani devono lavorare se vogliono prendersi una fetta di questo mercato sempre più importante.

I cinesi amano il nostro paese per diversi motivi. Le attrazioni principali sono costituite dalla cultura, la presenza di tantissimi reperti storico artistici e naturalmente la cucina e i prodotti DOC. Inoltre, i cinesi amano fare shopping in Italia, non solo perché fa parte della loro cultura, ma perché amano la moda italiana, sinonimo di marchi di alta qualità e autentici. E spendono gran parte del loro budget in negozi di moda. Nonostante tutto ciò, l’Italia si ritrova sesta in classifica come meta di destinazione preferita. Al primo posto c’è la Francia. Perché? Semplice. La Francia ha maggiori collegamenti aerei con la Cina e offre maggiori informazioni in lingua cinese online, assieme a strutture alberghiere specializzate nell’accoglienza di turisti cinesi.

Secondo una statistica del Huan, il 52% dei cinesi oggi cerca informazioni sul web per prenotare una vacanza all’estero e dato l’enorme flusso di utenti che cerca, circa 600 milioni, è fondamentale farsi notare sul web e soprattutto esserci. I paesi del nord Europa hanno preso questa palla al balzo e si stanno attivando per accogliere i turisti cinesi, migliorando il livello di accoglienza, offrendo guide e informazioni in lingua cinese online e offline sulla loro struttura ma non solo.

Un metodo vincente per attrarre i turisti cinesi punta sull’accoglienza, cioè approfondire le loro preferenze e personalizzare la loro permanenza. Le strutture turistiche possono offrire dei pacchetti speciali che permettano di visitare mete di eccellenza del nostro paese; offrire delle esperienze territoriali fuori dalla struttura, come per esempio la visita ad aziende artigianali o più tipiche della propria regione. Inoltre, i cinesi visitano le città e on si spostano molto. Questo perché non trovano sul web informazioni in merito. Per cui si dovrebbe incentivare la realizzazione di contenuti in lingua cinese affinché possano arrivare al turista cinese. Si sta facendo poco in Italia da questo punto di vista e non basta far trovare un bollitore e del buon the verde in camera. Bisognerebbe fare di più.

Da parte dell’Italia come stato, si dovrebbe accelerare la burocrazia per l’assegnazione dei visti, aumentare i collegamenti aerei (come ha fatto la Francia) e promuovere e implementare la presenza di guide e informazioni in lingua cinese. Questi accorgimenti, soprattutto a livello linguistico, sanno ben accetti perché mostreranno la buona volontà e l’impegno della struttura a far sentire il turista cinese a proprio agio. Per l’EXPO 2015 si prevede un’ondata di turisti cinesi pari a un milione di persone. Sarà importante per il settore turistico italiano seguire questi consigli per attrarre i turisti cinesi e portare alto l’immagine dell’Italia.

 

Scrivi un commento

PASSWORD RESET

LOG IN